Beauty

MAMME & BEAUTY ROUTINE

Marzo 2019

È successo, succede, o succederà a molte di noi: aspettare un bimbo. Nove mesi densi di dubbi e perplessità, più o meno serie, ma comunque in grado di gettarci in piccoli (o grandi!) stati di ansia.
Tra i dubbi, anche quelli che riguardano la sfera estetica.
Quante volte, davanti al bisogno di fissare il refill, hai pensato “Oddio! È se facesse male al bambino?”, rinunciando poi a prendere l’appuntamento. Tra leggende metropolitane e simili, vediamo insieme, quali trattamenti sono più o meno indicati durante la gravidanza.

Ho partorito a metà Settembre. Ciò significa, come si suol dire, che mi sono “ciucciata” tutti i mesi estivi, carichi di afa. Normalmente, amo il caldo, e non è un modo di dire. Sono una di quelle persone che, con 35°, non suda e che, con una sottile dose di soddisfazione, gode nel vedere gli altri squagliarsi sotto il caldo di un Agosto che non perdona. Ma a Luglio, con, na panza degna di Obelix, una ritenzione idrica che “Spongebob” scansate e due caviglie che potrebbero essere ospiti d’onore alla Sagra della Porchetta, ammetto che, ho pensato al freddo Siberiano come valida alternativa alla Pianura Veneta.
In caso di ritenzione idrica, un valido aiuto, può darlo il Pressomassaggio (chiamato anche Pressoterapia, ma Pressomassaggio, è più indicato, poiché si tratta di un trattamento estetico e non una terapia medica). Ma .. in gravidanza? È sempre consigliabile chiedere un parere medico ma, in linea di massima, la Presso, può essere fatta (non in presenza di bene varicose o capillari particolarmente fragili), prestando attenzione all’intensità e ovviamente, escludendo la zona addominale. Si tratta di un trattamento della durata (solitamente) di 30 minuti, indolore, particolarmente indicato appunto, in presenza di ritenzione idrica, gambe gonfie e cattiva circolazione. Se non vi siete mai sottoposte al trattamento, parlatene prima con il Vostro ginecologo di fiducia, così da poter effettuare la Vostra presso in assoluta tranquillità.

Pancione = difficoltà nel fare le cose più basilari, come tagliarsi le unghie dei piedi! Non c’è ragione per cui non ci si possa concedere una bella pedicure però! È importante accertarsi sempre che vengano utilizzati strumenti monouso e/o accuratamente sterilizzati, questa regola vale sempre, in gravidanza anche di più! E lo smalto? Tranquillamente, può essere applicato anche in gravidanza (preferibilmente un prodotto che non contenga Toulene e Formaldeide), così come lo smalto Semipermanente o il Gel. In questi ultimi casi, è importante che si utilizzi un Primer acid free e ricordarsi che, sarebbe opportuno rimuovere il prodotto durante gli ultimi due mesi di gravidanza. Questo perché in Ospedale, le unghie devono essere al naturale, poiché vengono controllate per misurare la saturazione dell’ossigeno. In alcuni casi, la presenza del gel, potrebbe ostacolare questo processo. (Osservazione personale: il mio pneumologo riesce a misurarmi la saturazione dell’ossigeno anche con il Gel, ma, a regola, andrebbe tolto tutto!).

Circa la metà di Settembre, manca una settimana al parto. Da qualche settimana, causa panza, non mi è più possibile fare la contorsionista sotto la doccia per depilarmi alla meno peggio con la lametta. Decido di prendere appuntamento in un Centro Estetico per una ceretta all’inguine, così da arrivare alla data prevista del parto, in ordine e super lissssia. L’estetista, procede con il trattamento, mi procura un ustione senza precedenti (e mi sento dire di “stare zitta” perché “sei delicata perché sei incinta”, mi depila e mi manda via. Esco con una camminata degna del miglior John Wayne. Il caso vuole che, due giorni dopo, sono in sala parto, con otto giorni di anticipo. Il pancione non c’è più, io, riesco finalmente a controllare la zona depilata: una scottatura mai vista prima. Altroché delicata, avevo ragione!! Scottatura a parte, la ceretta, può essere fatta tranquillamente anche in gravidanza, magari preferendo una cera più delicata (chiedete consiglio all’estetista), in alcuni casi, per una questione ormonale, si tende ad avere una crescita rallentata, ma, se si sente la necessità di una ceretta, potete andare tranquillamente. Discorso diverso per l’epilazione laser. In questo caso, anche se avete soltanto il dubbio di essere in dolce attesa, non dovete sottoporvi alla seduta nella maniera più assoluta.
Via libera a massaggi drenanti, trattamenti viso (no ultrasuoni o radiofrequenza), e scrub!
Pausa forzata per laser appunto, luce pulsata, ultrasuoni, radiofrequenza, lampade Uv. Attenzione anche all’esposizione solare!! Applicare uno schermo solare può aiutare ad rvitare la comparsa di macchie scure Sulla pelle!!
Ricordare di idratare moltissimo la pelle!! In gravidanza, le smagliature, sono sempre in agguato! Applicare un’ottima crema corpo (che non contenga Parabeni, Siliconi e Petrolati) o ancora meglio un burro o un olio, tutti i giorni, aiuterà a mantenere la pelle elastica e contrasterà la formazione delle smagliature!
Per trattamenti particolari, nel dubbio, chiedete sempre un parere al vostro medico o ginecologo, ogni gravidanza è diversa, e anche per questo, un po’ speciale!

Alessia Bruni

Ti potrebbe interessare anche

Nessun Commento

Lascia una Risposta